Si sente parlare ormai quotidianamente di Green Building e, in un momento in cui l’ecosostenibilità è un concetto che è sempre più destinato a guidare tanto le attività individuali quanto quelle aziendali e collettive, l’importanza di comprendere cosa questo termine significhi diventa fondamentale.

Si definisce Green Building un edificio che, dalle fasi di progettazione prima a quelle esecutive e costruttive poi, è concepito per rivelarsi sia performante che sostenibile, tanto dal punto di vista del benessere di chi lo abita, quanto da quello dell’impronta ecologica. In buona sostanza, i Green Building, o edifici verdi, sono pensati per inquinare meno e garantire una qualità della vita superiore per i loro abitanti.

In termini più generici, il termine Green Building racchiude al proprio interno anche un serie di protocolli per la cosiddetta “edilizia sostenibile”, il cui obiettivo sia a breve che a lungo termine è quello non soltanto di misurare l’impatto ecologico di un manufatto edilizio, ma anche di ridurlo in modo sensibile durante il suo intero ciclo di vita.

Come è facile immaginare, un Green Building è il risultato di scelte progettuali molto attente, di una selezione accuratissima di materiali e tecnologie, e di uno studio dettagliato dell’aspetto legato all’assorbimento energetico degli edifici. In questo senso, dunque, l’edificio non è considerato più un semplice contenitore, quanto piuttosto un organismo olistico in completa relazione sia con chi lo vive che con l’ambiente circostante, nel quale deve integrarsi il più possibile senza deturpare, e riducendo al minimo le proprie emissioni inquinanti.

Le variabili che è possibile valutare nell’ambito della sostenibilità degli edifici sono numerose:

  • Location e Sostenibilità del sito
  • Materiali impiegati e loro impatto inquinante
  • Consumo delle risorse
  • Contenimento dei consumi energetici
  • Salvaguardia della qualità dell’aria all’interno dell’edificio
  • Recupero dei materiali e re-immissione nel ciclo produttivo
  • Riduzione delle emissioni di gas e di rumore

Le applicazioni del concetto di Green Building

Il concept che sta alla base della filosofia legata al Green Building si basa sulla presa di coscienza dell’alto livello di inquinamento che caratterizza il nostro pianeta, così come delle sue scarse risorse idriche e della problematica dei cambiamenti climatici. A questo si accompagna una sempre più marcata consapevolezza da parte delle aziende di costruzioni, che sposano ora approcci sinergici nei quali si sperimenta la fusione di eccellenza tecnologica, sostenibilità ambientale, innovazione, design e qualità costruttiva.

Il settore edile nella sua totalità è dunque il vero protagonista del Green Building, attraverso l’intera filiera progettuale, produttiva e manutentiva. Questo nuovo approccio alle costruzioni coinvolgerà dunque progettisti, architetti, ingegneri, interior designer e outdoor designer, ma anche imprese edili e di manutenzione.

A livello applicativo, pressoché qualunque edificio può essere “verde”:

  • Residenze private
  • Capannoni industriali
  • Strutture logistiche e commerciali
  • Edifici professionali
  • Edifici pubblici
  • Luoghi di aggregazione o di hospitality

Alla base della progettazione di ciascuno di questi edifici, dovranno esservi sempre i principi guida sui quali il concetto di edilizia verde si fonda.

I vantaggi del Green Building

I vantaggi di un’edilizia sempre più verde e orientata a un maggiore rispetto dell’ambiente, ma al contempo sempre più tarata sulle esigenze di vivibilità degli abitanti, sono innegabili e numerosi.

Non soltanto la concezione di assoluto rispetto che sta alla base di questa nuova modalità del costruire porta con sé un approccio più cautelativo nei confronti dello sfruttamento delle risorse nella loro interezza, ma anche concrete prospettive di risparmio: fabbricati generati da un ciclo virtuoso sono infatti meno dispendiosi per loro natura, perché comportano un abbattimento degli sprechi, un’ottimizzazione delle attività e un riciclo sempre più marcato di elementi e materiali.

In ogni caso, tra i principali vantaggi del Green Building vanno annoverati:

  • Un maggiore rispetto per il pianeta, poiché un edificio più sostenibile si inserisce meglio non soltanto nel contesto naturale che lo circonda, ma anche in quello urbano senza produrre danni. Il Green Building si basa infatti sull’armonia con elementi naturali come aria, acqua, sole e suolo.
  • Un incrementato valore commerciale, facilmente spendibile anche sul lungo periodo. Gli edifici green sono considerati sempre più appetibili nel mercato immobiliare, grazie all’elevato comfort abitativo e all’eccellente efficienza energetica che li contraddistingue.
  • Un risparmio economico concreto per gli abitanti. Una casa ecosostenibile è, per sua natura, meno energivora e questo significa che il fabbisogno energetico che richiede è decisamente inferiore rispetto a quello di un edificio tradizionale. L’impiego di impiantistica di nuova generazione e di tecnologie rinnovabili permette un’armonizzazione fluida degli investimenti iniziali in tempi relativamente brevi, a fronte di un risparmio concreto sui consumi e di un incrementato benessere abitativo.