Bossico (BG)

Villa Aventino

Ultimata nel 1912 dalla famiglia Schiavi, è tra gli edifici più riconoscibili dell’intera provincia bergamasca

Per esteticastoria e integrazione con il territorio circostante, Villa Aventino è uno degli edifici più riconoscibili ed emblematici di Bossico e dell’intera provincia bergamasca da ormai più di un secolo. La costruzione dell’opera originaria, commissionata dagli allora proprietari Ventura Gregorini alla Famiglia Schiavi, già all’epoca sinonimo dell’atto stesso del costruire, risale infatti al 1912.

Situata ai margini dei vasti prati di Stà, vicino al Monte di LovereVilla Aventino prende il proprio nome da uno dei sette colli dell’Antica Roma, trasformandosi in breve tempo in un simbolo tangibile e vibrante dei valori culturali e degli ideali politici che caratterizzavano il territorio tra la fine del diciannovesimo secolo e l’inizio del ventesimo.

Immersa nella bellezza mozzafiato dell’altopiano di Bossico, circondata da fitte pinete e valli e con lo sguardo rivolto alle acque blu del Lago d’Iseo, la villa si è affermata nel corso dei decenni come un’icona della storia e della cultura locali, ma anche come manifestazione tangibile della coesistenza armonica tra uomo e natura.

Una “casa di delizia” che è anche salotto culturale e piccolo tempio dell’arte

Villa Aventino non è soltanto un esempio virtuoso di architettura bella e funzionale, ma anche un piccolo tempio dell’arte capace di incarnare la passione dei Ventura Gregorini per la letteratura, la musica, la dissertazione e la pittura. Nel corso degli anni, le sue stanze hanno infatti ospitato pensatori, musicisti e rinomati artisti bergamaschi del calibro di Giovanni Trussardi Volpi, Cesare Tallone, Francesco Domenighini e Giorgio Oprandi.

Tra ritratti di famigliaaffreschi che arricchiscono le pareti degli interni e sublimi paesaggi naturali, ciascuno di questi artisti ha contribuito a rendere le stanze della residenza un prezioso museo privato, così come a plasmarne l’identità artistica e a definire il suo ruolo nella storia dell’arte contemporanea: Villa Aventino come luogo magico in cui la natura ritrova il suo respiro e la sua voce, parlando all’uomo; Villa Aventino come fonte di ispirazione; Villa Aventino come galleria d’arte. Una sola architettura che raccoglie mille anime, tanti linguaggi e innumerevoli interpretazioni, facendosi custode delle emozioni e delle percezioni di coloro che la frequentano.

Progressivamente, la villa si apre sempre di più alla comunità di cui fa parte. Dagli anni Trenta in poi, diventa così un centro per eventi pubblici e iniziative culturali, oltre che un luogo per disquisire di politica, arte e letteratura e per ascoltare opere liriche. Il suo prestigio è tale che, negli anni Ottanta, persino Bettino Craxi la visita, riconoscendone l’elevato valore storico, architettonico e artistico-culturale.

Sfoglia il PDF

L’intervento di restauro conservativo ritrova la bellezza immutabile di Villa Aventino

Recentemente, l’impresa di costruzioni Schiavi Spa ha preso in carico e completato il delicato intervento di restauro conservativo finalizzato a restituire a Villa Aventino la sua piena dignità estetica e funzionale. In un metaforico e senza dubbio sensato passaggio del testimone, sono stati quindi i discendenti della stessa famiglia responsabile della costruzione dell’edificio originario a riportarla al suo antico splendore.

Gli interventi di restauro, accurati e molto dettagliati, hanno interessato aspetti strutturali, funzionali ed estetici dell’edificio. I quattro piani fuori terra appoggiati sul solido basamento in pietra locale, la distintiva copertura dall’andamento variegato, le preziose facciate, la caratteristica silhouette scandita dalle aperture di diversi formati vengono così osservati, compresi, assimilati e restituiti pienamente a una bellezza che pare immutabile, esattamente come il contesto naturale in cui questa “casa di delizia” si immerge.

Il risultato finale è indiscutibilmente magnifico: interpretare, conservare e restaurare un edificio di tale importanza, grazie a un processo sinergico che coinvolge tecnica, innovazione, competenza, saggezza e autentica passione, consolida l’identità più profonda di Villa Aventino e restituisce al panorama di Bossico un’opera architettonica di valore sublime.

Oggi, a più di un secolo dalla sua costruzione, Villa Aventino rimane così un simbolo immortale del territorio del Sebino, un luogo che unisce passato, presente e futuro. Un invito costante alla bellezza dell’arte e della natura, un patrimonio storico, architettonico e culturale lombardo che non smette di incantare.

Villa Aventino: l’ebook monografico da scaricare

Nel 2022, in occasione dei centodieci anni dall’edificazione dell’opera originaria, Schiavi Spa ha dedicato a Villa Aventino una lunga serie di contenuti tematici: una retrospettiva esaustiva e completa che riesamina e descrive le molteplici sfaccettature architettoniche, storiche e artistico-culturali dell’opera.

Scarica gratuitamente l’ebook monografico: è sufficiente compilare il form per riguardare, rileggere, rivivere la storia di uno degli edifici storici più culturalmente rilevanti della Lombardia.

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.
Caselle di Spunta

Articoli, tutorial e approfondimenti

Ultime dal blog

Aprile 18, 2024
Cosa cercare e cosa evitare nell’acquisto di un nuovo appartamento

L’acquisto di un nuovo appartamento è, in assoluto, uno dei passi più importanti nella vita delle persone: questa decisione impatta infatti significativamente non soltanto sulle loro finanze,

Aprile 4, 2024
Cosa dice la Direttiva Europea sulle Case Green

La Direttiva Europea sulle Case Green nasce con l’obiettivo di rendere il comparto edile complessivamente più efficiente e sostenibile dal punto di vista energetico. La nuova regolamentazione,

Marzo 28, 2024
Cos’è il Bonus Montagna 2024 per gli Under-41?

Ha recentemente ricevuto il via libera del Consiglio dei Ministri il cosiddetto Bonus Montagna 2024 destinato agli Under-41 a sostegno degli investimenti nelle comunità montane. Si tratta