X Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies. Clicca Qui. OK
Carnate - Antica Fornace Case in classe A immerse nel verde Maggiori informazioni
Somma Lombardo, via Vignola Somma Centre Maggiori informazioni
Nibionno, Via Don Luigi Sturzo Residenza Magnolia Maggiori informazioni
Lecco, Via Magnodeno Complesso Residenziale Villa Gardenia Maggiori informazioni
Casatenovo, Cascina Rovagnati Recupero Fiscale, risparmi fino a 50.000 euro!!! Maggiori informazioni
Lovere - Palazzo Ferlendis La tua casa in riva al lago Maggiori informazioni
Cremella - Barzanò Residenza Isola Maggiori informazioni
Cerca l'appartamento ideale per te
Città
Tipologia
Provincia
Schiavi S.p.A. - Costruzioni, Sviluppo e Risorse Umane La SCHIAVI S.P.A. si occupa di costruzioni edili civili e industriali, sia pubbliche che private, perseguendo il fondamentale obiettivo di contribuire attivamente, con le proprie realizzazioni, all'evoluzione degli standard qualitativi del mercato immobiliare. La prerogativa dell'azienda rimane da sempre la qualità costruttiva, il risparmio energetico e, piú in generale, la soddisfazione del Cliente.
Le Proposte Immobiliari La soluzione giusta per la tua nuova casa
Le Ultime News Gli aggiornamenti sulle costruzioni
Come tenere la casa in ordine senza stress Una casa efficiente e pulita è più attraente e tiene lontano lo stress. Oggi vogliamo svelarvi 5 trucchi per aiutarvi a capire come tenere la casa in ordine e ottimizzare il vostro tempo; meno avrete da lavorare, più tempo potrete dedicare ai vostri hobby. 5 Consigli per tenere la casa in ordine Come tenere una casa in ordine con pochi sforzi? Organizzare la casa per avere gli oggetti che utilizzate più spesso sempre a portata di mano: non dover sempre cercare ciò che più vi serve vi aiuterà a non perdere tempo e a non ribaltare i cassetti ogni volta che ne avete bisogno. Ordinate posta e i documenti utili in contenitori appositi: faldoni e raccoglitori eviteranno di far accumulare (o dimenticare!) le bollette in giro. Quando passano i bambini è come se ci fosse stato un terremoto? Per aiutarli a tenere la casa in ordine, comprate per loro dei contenitori appositi (scatole colorate, armadietti) e collocateli nella loro stanza: potranno avere sempre i loro giocattoli a portata di mano e non dovranno chiedervi aiuto per riordinare. Inoltre, avere una casa a misura di bambino è il primo passo per aiutarli a mantenere l’ordine. Problemi a tenere ordine in bagno? Cercate di non buttare tutto in un cassetto, ma di organizzare vani più piccoli all’interno degli armadi e piccoli contenitori così da perdere i gioielli o rovesciare saponi e detersivi. Pulire una stanza al giorno: forse ciò che vi blocca dal riordinare è la mole eccessiva di oggetti da riportare al proprio posto. Tentate di procedere con metodo, riordinando una camera alla volta, e senza fretta. Meno lavoro vedrete davanti a voi, più sarà facile cominciare a far ordine! Guerra al disordine per una casa in perfetto ordine Porsi l’obiettivo di tenere la casa in ordine non è facile, e talvolta non dipende da noi ma dalla grande quantità di oggetti che teniamo nelle stanze e da un ambiente troppo ristretto. Se non avete intenzione di ristrutturare, potreste fare una lista di tutto ciò che c’è in casa e controllare se è possibile liberarvi di qualcosa: non necessariamente buttarlo via, ma regalarlo ad un parente che potrebbe utilizzare quell’oggetto o donarlo in beneficenza. Controllate che non ci siano troppi fili e cavi a rendervi difficile la vita durante le pulizie: comprate degli avvolgi-cavi oppure optate per il wireless!
Detrazioni Irpef 2016 per la casa Le detrazioni Irpef 2016 per la casa si attestano al 50% dall’Iva pagata nel corso dell’anno. E’ un bell’affare per tutti i privati! Per chi acquista casa entro il 31 gennaio 2016 sono previsti numerosi vantaggi ma attenzione al risparmio energetico!   Questa agevolazione fiscale riguarda: Le unità immobiliari adibite a scopo residenziale; Le abitazioni che godono di certificazione di classe energetica A o B; Deve trattarsi di “immobili nuovi” e venduti direttamente dalle imprese costruttrici. Le abitazioni definite di “lusso” sempre che rispecchino i criteri sopra indicati. Sono comprese nella legislazione delle detrazioni Irpef 2016 anche i fabbricati al servizio dell’abitazione come: cantine, soffitte, magazzini, rimesse e autorimesse, scuderie, tettoie. Si può richiedere la detrazione fiscale sia per la prima casa che sulla seconda casa, purché rispetti i criteri sopra elencati. Inoltre: il pagamento delle imposte e dell’Iva avvenga entro il 2016. Detrazioni Irpef 2016: come funzionano Abbiamo detto che possiamo usufruire delle detrazioni Irpef 2016 per la casa se abbiamo acquistato casa da un’impresa costruttrice; possiamo detrarre il 50% dell'Iva pagata e va ripartita in 10 quote annuali. Ad esempio, se il prezzo ammonta a 250mila con un Iva del 10%, l'ammontare della detrazione sarà di 12.500 euro, le cui rate annuali ammonteranno a 1.250 €. Di quali altre agevolazioni approfittare per l’acquisto della casa? Oltre alle detrazioni Irpef 2016, possiamo contare sugli incentivi per la ristrutturazione degli immobili adibiti a residenza, e il Bonus Casa 2016 che comprende: Riduzione della tassa sulla seconda casa; Sconto sulle imposte per chi ristruttura la propria casa secondo le norme di risparmio energetico; Bonus Mobili: detrazioni fiscali per le giovani coppie che acquistano il loro mobilio e costituiscono un nucleo familiare da almeno 3 anni. Sempre buone notizie per il settore edilizia: nel 2016, comprare casa conviene!
Arredare con le piante: una casa come una serra E’ la nuova tendenza del 2016 in fatto di arredamento: arredare con le piante lo spazio di casa e dare quel “tocco verde” ad ogni stanza, per conferirle un’atmosfera fresca e riposante e donarle un tocco di luce. E’ dunque il momento di decorare casa in maniera alternativa e creativa. Arredare con le piante è una scelta perfetta per ogni stanza della casa. La cucina ad esempio, può ospitare un piccolo angolo dove crescere le erbe aromatiche: rosmarino, salvia e origano possono crescere comodamente sul davanzale accanto alla finestra, magari in un contenitore in stile shabby chic, oppure scegliere delle simpatiche piante grasse. Quanto al bagno, hai mai pensato di ravvivarlo con una felce, oppure l’edera? Richiedono poche cure e si adattano agli ambienti umidi. Il soggiorno può essere arredato con piante più grandi. Se è ben illuminato scegli l’euforia, il ficus benjamina, o l’anturio; e nel caso fosse un ambiente più scuro, potrai optare per dracena, ficus lirata, filodendro e kenzia. Arredare con le piante: un’idea perfetta per l’autunno Dover riportare in casa vasi e piante quando giunge l’autunno potrebbe sembrare una scocciatura, in realtà è un’ottima occasione per ricreare in casa un giardino rigoglioso! Arredare con le piante in questo modo è facile ed economico: si può sfruttare ciò che già si possiede per vivacizzare l’ambiente di casa senza spendere un soldo. Durante la stagione fredda si può: Riportare in casa le piante più delicate. Innaffiare di meno: durante la stagione fredda il terreno resta umido a lungo, attenzione a non far traboccare i vasi d’acqua! Mettere le piante vicino alle finestre, ma lontano dai caloriferi e dalle correnti d’aria. Scegliere dei sottovasi graziosi, in modo che proteggano bene il pavimento e si abbinino ai colori della stanza dove sono collocati. Arredare con le piante è divertente: potrai raggruppare più vasi in un unico punto sia per risparmiare spazio che per divertirti a creare composizioni verdi e artistiche. Arreda con le piante la tua casa in Lombardia Vi avevamo già parlato degli stili più utilizzati nelle case di Lecco ed ora vogliamo suggerirvi di arredare con le piante la vostra casa in Lombardia: soprattutto nella zona di Milano dove è difficile trovare delle aree verdi. Perché non ricreare un giardino nel proprio appartamento? Come avete potuto leggere qui sopra, arredare con le piante è facile ed economico. Non trovate?
Dopo quanto si può vendere la prima casa? Vendere la prima casa: le agevolazioni concesse dalla legge di Stabilità del 2016 permettono di cambiare casa più facilmente, consentendoci di risparmiare se vendiamo e ricompriamo casa entro un anno dalla data del rogito. Questi sconti fiscali possono essere richiesti sia i privati che le imprese. L’obbiettivo è evidente: stimolare la ripresa del mercato e dare una spinta alle compravendite immobiliare, tramite questo e altri provvedimenti come il Bonus Casa 2016.  Ma vendere la prima casa è sempre conveniente e possiamo procedere in tranquillità? Vediamo alcune condizioni. In quali casi non si può usufruire delle agevolazioni per vendere la prima casa? La norma con cui possiamo usufruire delle agevolazioni per vendere la prima casa ha alcuni presupposti: Non è valida quando per l’immobile acquistato in passato non si sia usufruito del bonus fiscale. Non è valida quando l’abitazione possiede caratteri di lusso. L’immobile deve essere allocato nel comune in cui l’acquirente ha stabilito la propria residenza o svolge la propria attività (entro 18 mesi dall’acquisto). Nel caso di italiani migrati all’estero, è necessario che si tratti della prima casa sul territorio italiano. Nell’atto di acquisto è necessaria la dichiarazione di non essere titolare di un’altra casa adibita ad abitazione nel territorio in cui è collocato l’immobile da acquistare (anche se in comunione con il coniuge). Nell’atto di acquisto bisogna dichiarare di non possedere in Italia (neanche a quote o in comunione legale) altri diritti di uso e usufrutto, proprietà, abitazione e proprietà su altre abitazioni tramite le agevolazioni “prima casa”. La detrazione per chi decide di vendere la prima casa La nuova norma che ci può aiutare a vendere la prima casa con un occhio attento verso il risparmio, ci consente di usufruire di un’aliquota del 2% dell’imposta di registro. La detrazione sull’imposta è valida anche per gli immobili ceduti o donati ad un altro proprietario (nei quali vi siano i presupposti indicati dalla legge). Che ne dite, è ora di pensare di cambiar casa?