X PER GARANTIRTI UNA MIGLIORE ESPERIENZA DI NAVIGAZIONE QUESTO SITO UTILIZZA I COOKIES
Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti per offrirti il miglior servizio possibile. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, accedi alla nostra Cookie Policy ACCETTO
Filtri
Città
Tipologia
Provincia
Superficie
Soluzioni interni
RESIDENZA SAN MARTINO 2 Schiavi SpA mette a disposizione la propria competenza per supportare i clienti nell'organizzazione degli spazi interni della casa, in accordo con le loro necessità funzionali ed estetiche. Le soluzioni d'interni che abbiamo specificamente progettato per la Residenza di Lecco San Martino sono proposte ad altissimo valore aggiunto in termini di stile, colori, arredamento e performance, pensate per mettere in risalto i numerosi dettagli di pregio degli appartamenti: vi proponiamo un interior design di eccellenza a completamento della vasta gamma di servizi offerti dalla nostra azienda. Scopri di più
SOMMA CENTER Somma lombardo, Via Vignola

In posizione centrale, alle spalle del Castello, nell'elegante contesto della Residenza Somma Center di Somma Lombardo, disponiamo di appartamenti e negozi di diversa metratura.
Questi spaziosi appartamenti vi consentiranno di disporre l'arredamento nel modo che più vi compiace, per creare una casa completamente personalizzata e fatta su misura per le vostre esigenze.
Scopri di più
RESIDENZA ANTICA FORNACE Carnate, Via Fornace

Le nostre tante soluzioni d'interni mettono in luce come il fascino della Residenza emerga appieno sia con palette colori orientate al bianco e al minimalismo, sia alle nuances e alle tonalità più forti, osate, originali.
I materiali naturali come il legno esaltano appieno l'atmosfera di Residenza Antica Fornace: parquet, mobili e complementi d'arredo offrono calore, e sembrano avvolgere gli abitanti in un abbraccio familiare.
Scopri di più
RESIDENZA SAN MARTINO 2 Schiavi SpA mette a disposizione la propria competenza per supportare i clienti nell'organizzazione degli spazi interni della casa, in accordo con le loro necessità funzionali ed estetiche. Le soluzioni d'interni che abbiamo specificamente progettato per la Residenza di Lecco San Martino sono proposte ad altissimo valore aggiunto in termini di stile, colori, arredamento e performance, pensate per mettere in risalto i numerosi dettagli di pregio degli appartamenti: vi proponiamo un interior design di eccellenza a completamento della vasta gamma di servizi offerti dalla nostra azienda. Scopri di più
CASCINA ROVAGNATI Casatenovo, Via Dante Alighieri

Vicino alle bellezze del Parco del Curone, con una visuale privilegiata su Montevecchia, l'antica Cascina Rovagnati è dotata di innovative soluzioni ecologiche, volte al miglior risparmio energetico possibile.
Ogni appartamento dispone di impianti di riscaldamento e raffrescamento con pannelli radianti a pavimento, impianto di deumidificazione, serramenti in legno massello con quadruplo vetro. I bagni dispongono di vasca o doccia e un sistema di riscaldamento dell'acqua che usufruisce di pannelli solari di ultima generazione.
Scopri di più
RESIDENZA MAGNOLIA Nibionno, Via Don Luigi Sturzo

La residenza Magnolia rappresenta l'esempio perfetto della realizzazione di un complesso abitativo che ha coniugato il risparmio energetico con spazi ben organizzati, finiture di prima qualità e attenzione ai dettagli. La soluzione ideale per la vostra casa di domani.
Scopri di più
RESIDENZA SAN MARTINO 2 Schiavi SpA mette a disposizione la propria competenza per supportare i clienti nell'organizzazione degli spazi interni della casa, in accordo con le loro necessità funzionali ed estetiche. Le soluzioni d'interni che abbiamo specificamente progettato per la Residenza di Lecco San Martino sono proposte ad altissimo valore aggiunto in termini di stile, colori, arredamento e performance, pensate per mettere in risalto i numerosi dettagli di pregio degli appartamenti: vi proponiamo un interior design di eccellenza a completamento della vasta gamma di servizi offerti dalla nostra azienda. Scopri di più
134553
SORRISI DEI CLIENTI
169103
MQ GIARDINI
150
PROFESSIONISTI ALL'OPERA
557609875
MATTONI POSATI
BLOG
Schiavi trasforma in un volume oltre un secolo di storia d’impresa Alcuni giorni fa, ti abbiamo parlato dell’importante progetto di riorganizzazione documentale che, negli ultimi anni, ci ha offerto l’inedita e straordinaria possibilità di rivivere ed esaminare la storia della nostra impresa – e quindi anche quella della nostra famiglia – attraverso documenti, planimetrie, consuntivi, fotografie archiviate nei nostri uffici. Si è trattato di un processo complesso e laborioso che ha impiegato lungo tempo a concludersi, perché la storia di Schiavi Spa è molto antica: parte della documentazione recuperata risale infatti addirittura al diciannovesimo secolo. Per condensare questo prezioso patrimonio di informazioni in una modalità fruibile che immortalasse la filosofia, i valori, i principi che da sempre guidano la nostra attività, abbiamo infine deciso di realizzare e rilegare uno splendido volume a memento di alcune delle realizzazioni più interessanti a cui abbiamo contribuito dalla nostra fondazione. Pur non trattandosi di un’opera nata per essere diffusa o pubblicizzata, questo libro rappresenta comunque un traguardo straordinariamente importante, e nasconde un messaggio che siamo orgogliosi di poter condividere con te: quando un’impresa sente la necessità di “fissare” un momento nel tempo o, meglio ancora, di fermare momentaneamente il tempo per riflettere su di esso, significa che ha raggiunto traguardi che meritano di essere celebrati. Per questa ragione, abbiamo selezionato sei tra i progetti inclusi nel nostro “volume della memoria” per poterteli raccontare sulle pagine del nostro blog, nei prossimi mesi, mostrandoti documentazione e fotografie inedite relative a ciascuno di essi. Il libro della memoria di Schiavi Spa: un progetto ambizioso e corale La storia dell’impresa Schiavi Spa si muove in parallelo a quella della famiglia Schiavi, snodandosi in modo armonico e coerente lungo i decenni e le generazioni. Per sua natura, la storia di un’impresa di costruzioni è necessariamente anche corale, perché è soltanto attraverso la collaborazione e la sinergia tra diverse professioni e talenti che è possibile progettare e costruire un edificio. Troviamo quindi perfettamente in linea con la nostra filosofia che anche il nostro libro della memoria sia il risultato della cooperazione e dell’impegno di tante figure diverse che, con la loro competenza specifica, hanno permesso di organizzarlo e realizzarlo. A partire dalla stessa Schiavi Spa, che si è presa carico di analizzare e riorganizzare il proprio archivio, pagina dopo pagina, fino a Naxa, l’agenzia che da anni si occupa dei nostri progetti di Digital Marketing, il cui ruolo è stato quello di strutturare e definire il tono di comunicazione del volume. Senza contare l’inestimabile, preziosissimo contributo di Cristian Bonomi, esperto storico specializzato in Ricerca Documentale, che è riuscito a muoversi a ritroso negli archivi pubblici fino a ritrovare le tracce di una famiglia – la nostra – a cui già nell’Ottocento ci si riferiva con il termine “costruttori di case”. E ancora, tutta la documentazione riorganizzata, completa di immagini d’epoca, è stata infine restituita attraverso grafiche semplici, lineari e di forte impatto visivo dal grafico Nicolò Accoto, che ha reinterpretato lo stile pulito tipico del brand Schiavi creando un filo rosso tra passato e presente. Questi sguardi esterni, queste figure che soltanto tangenzialmente fanno parte della nostra storia, hanno saputo fornire al progetto un contributo importantissimo e oggettivo, aiutando la nostra impresa a concretizzarlo in uno strumento di fruizione realmente capace di interpretare l’identità e la visione da sempre caratteristici del brand Schiavi. È per questo che avrai l’opportunità di sentirli parlare, in questo articolo. Abbiamo voluto che ci fossero anche loro a raccontare la storia e l’identità della nostra azienda attraverso il loro punto di vista inedito e la loro percezione. Perché la storia di Schiavi non è soltanto fatta di edifici, ma anche di persone, di comunità e di professionisti che hanno contribuito a trasformarla in ciò che è oggi.
Come la riorganizzazione dell’archivio è diventata celebrazione della nostra storia Schiavi Spa ha recentemente terminato una lunga e articolata opera di analisi, riordino e riorganizzazione dell’archivio storico dell’impresa. Un lavoro complesso che ha necessitato di anni per essere completato e che, di fatto, rimane per forza di cose costantemente in divenire, trasformandosi in una straordinaria occasione per rivivere la nostra storia e definire i potenziali percorsi futuri. Iniziato tra il 2013 e il 2014 in concomitanza con la messa online del nuovo sito web aziendale, il lavoro di riordino dell’archivio cartaceo aveva inizialmente lo scopo di individuare il materiale necessario alla creazione del nostro portfolio digitale. Un’attenta opera di catalogazione testuale e fotografica dei progetti, ordinati e aggiornati nel corso del tempo, ci ha consentito di offrire ai visitatori del nostro sito web un’interessante panoramica degli immobili da noi realizzati e, contestualmente, ha dato a noi l’opportunità di osservare con uno sguardo nuovo la lunghissima storia dell’impresa Schiavi (le cui origini risalgono addirittura prima del 1850, mentre la prima iscrizione alla Camera di Commercio è datata 1928), attualmente giunta alla sua quinta generazione di costruttori. 2017: la ricostruzione archiviale si cementa come ricostruzione storica Nel 2017, l’inizio della nostra collaborazione con Cristian Bonomi, Storico, Archivista e professionista nella ricerca documentale, ha dato nuovo vigore e nuova motivazione all’opera di riorganizzazione dell’archivio, di fatto accelerando la ricostruzione storica dell’attività d’impresa e colmando alcuni gap relativi a cantieri la cui memoria si era persa nel tempo. Il lavoro congiunto tra Bonomi e l’impresa Schiavi ha inoltre permesso di completare le preziose informazioni relative ad alcuni edifici, così come di recuperare documenti storici, disegni e fotografie d’epoca. Oltre ad aver fisicamente messo in ordine l’archivio e analizzato il contenuto di ogni singolo faldone presente presso la nostra sede, abbiamo interrogato i protagonisti ottenendo, pezzo dopo pezzo, una rassegna completa di buona parte dei progetti che abbiamo portato a termine nel corso degli anni. Si è trattato ovviamente di un lavoro mastodontico non soltanto in termini di mole fisica ma, soprattutto, di importanza strategica per la nostra azienda, perché ci ha permesso di realizzare un quadro esaustivo del processo storico che ha portato Schiavi Spa a trasformarsi in una delle più affermate imprese di costruzioni sul territorio lombardo: analizzando la documentazione recuperata, diventa infatti molto facile percepire la passione e la competenza che caratterizzano il nostro lavoro fin dagli albori della nostra attività. La nostra riorganizzazione dell’archivio storico in numeri Se dovessimo parlare di numeri, citeremmo circa quattrocento cantieri completati, oltre mille tavole di progetto consultate (e molte altre ancora da consultare!), più di mille lucidi ordinati e catalogati (e altri ancora da ordinare), duemila foto archiviate con relativi negativi che sono stati minuziosamente sviluppati e digitalizzati, decine di chili di fogli A4 e centinaia di immagini e video digitali realizzati soltanto nel corso dell’ultimo anno. I documenti presenti nell’archivio di Schiavi Spa sono relativi prevalentemente ad attività risalenti al ventesimo secolo, sebbene le ricerche condotte dallo storico Bonomi abbiano permesso di recuperare documentazione addirittura antecedente. Come condensare un patrimonio di informazioni tanto prezioso? Una volta ottenuto un quadro chiaro dell’immenso patrimonio di informazioni recuperato, è diventato per noi imperante comprendere come ottimizzare il lavoro svolto, condensandolo in uno strumento che servisse come memento e celebrazione della nostra impresa. Il medium scelto è stato un libro – un volume fisico, cartaceo – a commemorazione non soltanto della storia dell’impresa Schiavi ma anche di quella dell’omonima famiglia di costruttori. Questa fusione è, dopotutto, sempre stata manifesta ed è ora evidenziata appieno in una splendida opera testuale e fotografica che concentra e sottolinea, in tutte le sue pagine, l’intersecarsi virtuoso di questi due percorsi sinergici. Sebbene il volume non sia pubblico, siamo comunque orgogliosi di poter condividere con i nostri lettori, partner e clienti la visione che ha portato alla sua realizzazione. Non perdete gli aggiornamenti sul nostro blog e sui nostri canali social per scoprire in che modo abbiamo intenzione di farlo.
Bonus Prima Casa 2021: quali sono le agevolazioni per chi vive in Brianza? Anche chi vive in Brianza può ancora beneficiare delle agevolazioni previste dal Bonus Prima Casa 2021. In questa pratica guida, ci proponiamo di offrirti alcune indicazioni fondamentali per valutare la presenza dei requisiti per accedere al Bonus, di elencare le sue caratteristiche e di illustrarne i principali vantaggi. Ricordiamo prima di tutto che, secondo quanto reso noto dall’Agenzia delle Entrate, il Bonus Prima Casa 2021 fa esclusivamente riferimento all’acquisto di edifici da adibirsi ad abitazione principale, permettendo il pagamento di imposte ridotte sull’acquisto stesso qualora determinate condizioni vengano soddisfatte. In pratica, quindi, stiamo parlando di una normativa tributaria messa a punto dal Governo per agevolare l’acquisto della prima casa, in particolare se i soggetti hanno età inferiore ai 36 anni (grazie alla “corsia privilegiata” disposta dal recente decreto Sostegni Bis). Questi ultimi saranno esentati dalle imposte di registro e da quelle ipotecarie e catastali per l’acquisto di prima casa entro il 30 giugno 2022 (articolo 64 del decreto Sostegni Bis). Inoltre, sarà operata una differenziazione laddove l’acquisto avvenga da parte di privati, da aziende che vendono in esenzione IVA oppure da imprese con vendite soggette a IVA. I requisiti per accedere al Bonus Prima Casa 2021 Rispetto al passato, i requisiti per accedere al Bonus Prima Casa 2021 sono cambiati – così come gli adempimenti connessi alla detrazione. Fino al 30 giugno 2022, i giovani di età non superiore ai 35 anni non si vedranno applicata l’imposta di registro, ipotecaria o catastale per l’acquisto della prima casa. Nelle vendite soggette a IVA sarà inoltre previsto un credito d’imposta pari all’imposta versata, nel caso di ISEE non superiore ai 40.000 euro. Non è inoltre necessario presentare domanda all’Agenzia delle Entrate per accedere al Bonus. Al contrario, in sede d’acquisto dell’immobile il contribuente dichiarerà di possedere i requisiti richiesti dall’agevolazione fiscale e, nel momento in cui questi dovessero essere soddisfatti, beneficerà della riduzione dovuta. Le agevolazioni fiscali riconosciute dal Bonus Prima Casa 2021 e a cui anche gli acquirenti brianzoli potranno accedere sono le seguenti: Riduzione dell’IVA dal 10% al 4% per i contribuenti che acquistano direttamente dal costruttore, con pagamento di 200 euro di imposta ipotecaria e catastale. Imposta catastale e ipotecaria nuovamente applicata nella misura fissa di 200 euro per acquisti per successione o donazione. Imposta di registro pari al 2% per gli acquisti tra privati. Credito d’imposta per i soggetti che vendono e riacquistano casa entro i primi dodici mesi. Accesso alla detrazione IRPEF del 19% e fino a 1000 euro per le spese di intermediazione immobiliare. Possibilità di detrazione degli interessi passivi sul mutuo. Chi può accedere al Bonus Casa 2021? Chiarite le agevolazioni, passiamo ora ai requisiti e alle caratteristiche di accesso alle detrazioni fiscali previste dal Bonus Casa 2021. Potrà richiedere il Bonus chi: Non possiede abitazioni in Italia per le quali abbia già fruito di agevolazioni, o in alternativa le venda entro un anno. Non sia proprietario di un’abitazione nello stesso Comune in cui vengono richieste le agevolazioni per l’acquisto della prima casa. Sia residente nel Comune in cui si acquista la prima casa o vi trasferisca la residenza entro 18 mesi dall’acquisto agevolato. In alternativa, è possibile presentare prova che la propria sede di lavoro sia situata nel Comune. Non sia titolare di diritto d’uso, usufrutto o abitazione di un altro immobile nello stesso Comune in cui venga richiesta l’agevolazione fiscale. Infine, vale la pena ricordare che il Bonus Prima Casa 2021, in Brianza e in qualunque altro comune italiano, si applica esclusivamente agli immobili appartenenti a specifiche categorie catastali e alle loro pertinenze in categoria C/2 (magazzini e locali di deposito), C/6 (rimesse e autorimesse) e C/7 (tettoie chiuse o aperte), purché siano relative a una sola pertinenza per ciascuna categoria d’immobile. Le categorie catastali oggetto del Bonus sono le seguenti: A/2 (abitazioni di tipo civile) A/3 (abitazioni di tipo economico) A/4 (abitazioni di tipo popolare) A/5 (abitazione di tipo ultra popolare) A/6 (abitazione di tipo rurale) A/7 (abitazioni in villini) A/11 (abitazioni e alloggi tipici dei luoghi) Desideri scoprire le splendide proposte immobiliari di Schiavi Spa nel territorio Brianzolo, come Residenza Cadorna a Vimercate, Residenza Antica Fornace a Carnate o Residenza Magnolia a Nibionno? Entra in contatto con i nostri esperti per richiedere subito una consulenza, un incontro o una visita dedicata.
Non riesci a trovare quello che stai cercando?
Chiamaci