X Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies. Clicca Qui. OK
Carnate - Antica Fornace Case in classe A immerse nel verde Maggiori informazioni
Nibionno, Via Don Luigi Sturzo Residenza Magnolia Maggiori informazioni
Milano, Piazzale Loreto Esclusivi attici Maggiori informazioni
Lecco, Via Magnodeno Complesso Residenziale Villa Gardenia Maggiori informazioni
Casatenovo, Cascina Rovagnati Recupero Fiscale, risparmi fino a 50.000 euro!!! Maggiori informazioni
Lovere - Palazzo Ferlendis La tua casa in riva al lago Maggiori informazioni
Cremella - Barzanò Residenza Isola Maggiori informazioni
Somma Lombardo, via Vignola Somma Centre Maggiori informazioni
Cerca l'appartamento ideale per te
Città
Tipologia
Provincia
Schiavi S.p.A. - Costruzioni, Sviluppo e Risorse Umane La SCHIAVI S.P.A. si occupa di costruzioni edili civili e industriali, sia pubbliche che private, perseguendo il fondamentale obiettivo di contribuire attivamente, con le proprie realizzazioni, all'evoluzione degli standard qualitativi del mercato immobiliare. La prerogativa dell'azienda rimane da sempre la qualità costruttiva, il risparmio energetico e, piú in generale, la soddisfazione del Cliente.
Le Proposte Immobiliari La soluzione giusta per la tua nuova casa
Le Ultime News Gli aggiornamenti sulle costruzioni
Realizzare una piccola spa in casa Chi non vorrebbe arrivare a casa dopo una lunga e pesante giornata al lavoro e avere la possibilità di immergersi in una vasca idromassaggio o rilassarsi in una sauna? La maggior parte delle persone crede che questo sia possibile solo in vacanza o andando in un centro benessere, ma non è così. Con qualche piccolo consiglio e accorgimento è possibile creare anche a casa vostra un angolo per il vostro benessere e relax. Con piccole attenzioni anche il bagno di casa può diventare un’oasi per il vostro relax. Minipiscine e vasche idromassaggio  Una minipiscina dotata di idromassaggio è il modo più efficace per sentirsi in un centro benessere tra le mura della vostra casa. Per chi ha degli spazi più ridotti dove non è possibile andare a installare una minipiscina la soluzione perfetta è una vasca idromassaggio. Per completare il tutto aggiungete un poggiatesta, sali da bagno, oli essenziali e candele e il gioco è fatto! Box doccia e cromoterapia Anche la doccia di casa con l’illuminazione adeguata, con variazioni di luce e colori possono trasformarsi nelle docce che abitualmente troviamo nei centri benessere. Ma allo stesso modo anche senza luci colorate la doccia a casa può divenire un'esperienza che può aumentare il vostro livello di benessere. Con il giusto arredamento in pochi gesti il vostro bagno si può trasformare: aggiungete piante tropicali, candele, elementi in legno. Basta davvero poco. La sauna Se volete creare un angolo di benessere a casa, la sauna non può certo mancare. Poter usufruire di una sauna regolarmente porterà dei vantaggi fisici al vostro corpo, immaginate durante l’inverno di poter espellere grazie al sudore le tossine dal vostro corpo. Per realizzare una sauna a casa vostra occorre prima di tutto individuare quale sia il posto più adatto, solitamente si opta per la cantina o la soffitta. Attualmente esistono in commercio anche saune dalle dimensioni contenute che molto spesso rappresentano dei veri e propri oggetti d’arredo che si adattano a qualsiasi spazio. Non rinunciate più al vostro benessere, realizzate la vostra oasi di relax direttamente a casa vostra!
Un simbolo di Milano: Torre Velasca Senza dubbio Torre Velasca è uno dei simboli di Milano, costruita a metà degli anni 50 sorge nell’omonima piazza a sud del Duomo. Breve storia La torre venne edificata in un’area del centro di Milano devastata dai bombardamenti durante la seconda guerra mondiale. La Società Generale Immobiliare finanziò interamente l’opera mentre la progettazione venne affidata allo Studio BBPR. La torre fu eretta dopo un lungo studio per adattarla agli angusti spazi della piazza che la ospita. Il progetto iniziale prevedeva una struttura in ferro e acciaio, ma l’idea venne scartata per via del costo troppo elevato. In soli 292 giorni tra il 1956 e il 1957, si completò la realizzazione della Torre Velasca. Architettura La forma della Torre Velasca è veramente inusuale, i piani inferiori sono più piccoli rispetto ai piani superiori dando così all'edificio la forma di un fungo. L’idea degli architetti era quella di volerla fare assomigliare alle torri medievali ma cercando di integrarla con gli edifici del centro storico di Milano di quegli anni. L’edificio è composto da 26 piani: i primi 18 ospitano negozi e uffici mentre gli altri 8, sono occupati da appartamenti. La torre è come se fosse divisa in due blocchi il primo da cui partono travi oblique che sostengono l’espansione esterna dei piani superiori. Torre Velasca vuole essere il simbolo della città di Milano che nel dopoguerra guarda allo sviluppo e alla crescita economica. La torre nacque come citazione moderna della Torre del Filarete al Castello Sforzesco e voleva essere un edificio che rifiutava la standardizzazione dell'architettura internazionale. Pareri contrastanti Sin dall’ inizio la Torre Velasca ha suscitato pareri contrastanti, il suo stile architettonico, vuole da una parte richiamare i palazzi dell’Ottocento e dall’altro punta ad esprimere lo slancio della città verso il boom economico degli anni successivi. La forma strana e particolare dell’edificio ha fatto in modo che la Torre Velasca venne ribattezzata fin da subito “il grattacielo con le bretelle” dai milanesi. C’è chi la definisce un capolavoro assoluto e l’invenzione di una nuova architettura e chi invece la definisce uno degli edifici più brutti del mondo. E voi cosa ne pensate? Vi piace la Torre Velasca?
Ristrutturare il bagno di casa: consigli e accorgimenti In base alla ristrutturazione che avete in mente per il vostro bagno possono esserci dei piccoli accorgimenti di cui dovete tenere conto prima di iniziare i lavori. Infatti se i cambiamenti riguardano solo le finiture e la superficie del vostro bagno resterà invariata e non prevedete modifiche importanti agli impianti non sarà necessario presentare in comune un progetto firmato da un tecnico. In caso contrario dovrà essere vostra premura occuparvi della presentazione della documentazione necessaria presso gli uffici competenti. Prima della ristrutturazione La prima cosa da fare quando si decidere di ristruttura il bagno di casa è definire un budget, richiedere dei preventivi a chi si occuperà dei lavori vi aiuterà ad avere un’idea sui costi da sostenere. Una volta stimata la spesa si avrà un’idea più chiara su quanto potrà essere il budget destinato a piastrelle, sanitari, arredo ecc. I componenti che dovrete andare a scegliere per il vostro nuovo bagno sono: rivestimenti, pavimentazioni, sanitari, rubinetteria, vasca o doccia e illuminazione. La scelta dei rivestimenti è davvero importante perché detta la scelta di tutte le altre componenti del bagno. Prima di iniziare i lavori è importante che sia già stata fatta la scelta di tutti i componenti del vostro nuovo bagno. Questo per evitare che ci siano ritardi nei lavori o che non possano essere conclusi. Le fasi della ristrutturazione  La parte di smantellamento del vostro vecchio bagno sarà sicuramente quella più fastidiosa: la rimozione dei sanitari, dei pavimenti e delle tubazioni, provocherà la formazione di polvere e detriti che si spargeranno in tutta la casa. Dovrete occuparvi o assicurarvi che lo smaltimento dei detriti e dei rifiuti avvenga in maniera corretta. Una volta eliminate le componenti del vecchio bagno si può procedere all'esecuzione dei nuovi impianti, alla posa in opera dei sanitari e quindi dei nuovi pavimenti e rivestimenti. Un altro importante consiglio è quello di controllare durante la ristrutturazione le condizioni delle tubature degli impianti esistenti in modo da evitare perdite o disguidi in futuro. Potete sfruttare la ristrutturazione del vostro bagno per rifare gli impianti dal momento che i pavimenti e rivestimenti sono già assenti.
Tasso fisso o variabile? Ecco qualche consiglio Finalmente avete trovato la casa dei vostri sogni, ma per comprarla occorre richiedere un mutuo, andate in banca e qui venite messi davanti alla scelta del tasso d’interesse: fisso o variabile? Il tasso fisso viene preferito dalla maggior parte delle persone perché garantisce un importo della rata sempre uguale che non varia al cambiare dei tassi sul mercato. Questo offre la sicurezza di non avere un aumento dell’importo della rata mensile, così si evita di trovarsi nella condizione di avere una rata troppo alta a causa dell’aumento dei tassi d’interesse. Allo stesso tempo però chi sceglie il tasso fisso, per avere una sicurezza sull'importo della rata, si priva della possibilità di sfruttare eventuali fasi positive e di avere una riduzione della rata grazie alla discesa dei tassi. Ad una possibile domanda se convenga di più un mutuo a tasso fisso o variabile, non possiamo non rispondervi con un semplice dipende per diversi motivi. Nel 2016: quale scegliere?  In questi mesi i tassi legati ai mutui ipotecari hanno raggiunto in Italia valori davvero bassi, sia per i mutui a tassi fissi sia per quelli a tassi variabile. Nonostante il tasso variabile sia al momento più conveniente di quello fisso, le famiglie sembrano propendere per il tasso fisso. Probabilmente perché la maggior parte delle persone vogliono avere la tranquillità di avere la certezza che l’importo della rata sarà sempre lo stesso e per questo scelgono un mutuo a tasso fisso (al momento i 2/3 dei mutui erogati nel 2015 sono mutui a tasso fisso). Attualmente il tasso variabile, che è ancorato all’Euribor, offre un certo risparmio sulla rata mensile. Ma occorre tenere in considerazione che il mutuo è un finanziamento a lungo termine. Questo significa che il tasso variabile potrebbe subire delle oscillazioni in rialzo, che andrebbero ad aumentare anche la rata del vostro mutuo, ma c’è anche da dire che gli analisti non prevedono crescite significative nei prossimi anni e quindi i tassi variabili non dovrebbero subire variazioni importanti. In ogni caso, qualunque sia la vostra scelta, è importante ricordarsi che sia il tasso fisso che quello varabile sono rinegoziabili e allo stesso modo nel momento in cui il mutuo contratto con un istituto di credito non sia più conveniente è possibile surrogare il mutuo con un’altra banca che offre soluzioni più vantaggiose. In conclusione attualmente contrarre un mutuo a tasso variabile è la soluzione più vantaggiosa in quanto l’attuale clima sui mercati favorisce tassi bassi per ancora almeno una decina di anni. Nel momento in cui il tasso variabile non dovesse essere più conveniente rispetto a quello fisso potrete procedere alla negoziazione per sfruttare i vantaggi del tasso fisso.