X Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque elemento sottostante, acconsenti all'uso dei cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies. Clicca Qui. OK
Carnate - Antica Fornace Case in classe A immerse nel verde Maggiori informazioni
Nibionno, Via Don Luigi Sturzo Residenza Magnolia Maggiori informazioni
Lovere - Palazzo Ferlendis La tua casa in riva al lago Maggiori informazioni
Immagina la tua casa con il nostro tour virtuale Visita gli interni della tua nuova casa. Maggiori informazioni
Milano, Piazzale Loreto Esclusivi attici Maggiori informazioni
Casatenovo, Cascina Rovagnati Recupero Fiscale, risparmi fino a 50.000 euro!!! Maggiori informazioni
Lecco, Via Magnodeno Complesso Residenziale Villa Gardenia Maggiori informazioni
Somma Lombardo, via Vignola Somma Centre Maggiori informazioni
Cremella - Barzanò Residenza Isola Maggiori informazioni
Cerca l'appartamento ideale per te
Città
Tipologia
Provincia
Schiavi S.p.A. - Costruzioni, Sviluppo e Risorse Umane La SCHIAVI S.P.A. si occupa di costruzioni edili civili e industriali, sia pubbliche che private, perseguendo il fondamentale obiettivo di contribuire attivamente, con le proprie realizzazioni, all'evoluzione degli standard qualitativi del mercato immobiliare. La prerogativa dell'azienda rimane da sempre la qualità costruttiva, il risparmio energetico e, piú in generale, la soddisfazione del Cliente.
Le Proposte Immobiliari La soluzione giusta per la tua nuova casa
Le Ultime News Gli aggiornamenti sulle costruzioni
Rinaldo Scaioli: sono i dettagli a mettere in luce la grandezza di un architetto Secondo Garzanti Linguistica, il camino è la parte terminale di un condotto dalla quale fuoriescono i prodotti della combustione. L’etimologia del termine lo lega sia al latino cam?nu(m) che al greco káminos, ‘forno, fornello’. La ragione è semplice: il camino è anche quella costruzione che, all’interno di un ambiente, si trova addossata a una parete oppure ricavata nel suo spessore. Sovrastata da una cappa in comunicazione col tetto (e col camino, l’altro), serve per accendere il fuoco e un tempo rappresentava il centro della vita familiare. L’architetto Rinaldo Scaioli, di cui il 20 gennaio 2017 ricorrono tre anni dalla scomparsa, aveva forse in mente proprio il “focolare” quando disegnava i comignoli che abbiamo la fortuna di potervi qui proporre in una versione digitale dei loro schizzi originali. Forse proprio per questa ragione erano disegnati con tale cura maniacale, attenzione per il dettaglio, precisione nel tratto, come se dovessero trasformarsi in manufatti da vivere, maneggiare e spolverare, e non in componenti funzionali di un edificio che noi tutti siamo abituati a scorgere di sfuggita, con la coda dell’occhio, senza mai osservarli davvero. Le immagini mostrano le tavole di progetto complete con pianta, prospetto, sezione e vista assonometrica di differenti modelli di comignolo. Nell’osservare questi elaborati grafici sembra che l’architetto Scaioli voglia giocare un po’ con il concetto di “ripetizione”, come a voler sottolineare che il camino non è il risultato di un gesto singolo, estemporaneo quasi, quanto piuttosto la naturale conseguenza di un processo graduale di perfezionamento e, dunque, di evoluzione. Di fatto, quindi, l’architetto Rinaldo Scaioli ha oltrepassato i limiti della mera definizione del camino, reinterpretandolo secondo i suoi canoni di gusto – eccelsi, come possono testimoniare sia i suoi studenti che i suoi collaboratori – e ampliandone la portata. Scaioli ha trasformato il camino, oggetto umile per antonomasia a prescindere dal suo ruolo fondamentale nel corretto funzionamento di un edificio, nel destinatario della medesima cura che destinava a qualunque altro elemento architettonico. Ed è così che tavole ingiallite dal tempo, che riportano i segni di un’epoca ormai trascorsa – non soltanto dal punto di vista dell’edilizia, ma anche nel modo stesso di concepirla, pensarla, progettarla, viverla – riescono ad evidenziare di nuovo l’attenzione di un architetto che ha dedicato alla sua Professione una passione senza pari e una curiosità insaziabile. Rinaldo Scaioli, classe 1928 e iscrizione all’albo datata 1954, ha saputo far vibrare l’architettura sia nei tanti incarichi istituzionali e privati, come progettista, sia come docente alla Facoltà omonima del Politecnico di Milano, facendo innamorare i suoi studenti di uno dei “mestieri” più belli del mondo. L’Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Milano lo ricorda definendolo “un professionista impegnato ma sempre disponibile, allegro”, che “dietro una patina di ironia celava un cuore e una passione unici per l’architettura e per i giovani colleghi e studenti”. E quel cuore, quella passione, risultano evidenti anche dal tratto della sua penna, impegnata a disegnare un oggetto tanto semplice e tanto importante.
Impianti combinati: la soluzione innovativa e conveniente per il riscaldamento Gli impianti combinati si stanno diffondendo sempre di più nelle case degli italiani. Rappresentano una valida soluzione per il riscaldamento di tutta l’abitazione, innovativa e conveniente oltre che ecologica. Nel corso degli ultimi anni questa tipologia di impianti si è particolarmente distinta per i benefici che garantisce un’ampia serie di vantaggi convenienti. Perché scegliere un impianto combinato? Vantaggi e caratteristiche Gli impianti combinati vengono alimentati con energie rinnovabili come il sole e la legna. Per questo motivo il risparmio energetico ed economico è evidente, toccando anche il 70% rispetto ai tradizionali impianti a metano Per l’installazione di impianti combinati sono previste delle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica. Una scelta estremamente vantaggiosa per le tue tasche e per l’ambiente Attenzione all’ecologia. Gli impianti combinati permettono di riscaldare senza inquinare: la Carbon Footprint è a zero visto che la legna emette la stessa quantità di anidride carbonica che viene assorbita dalle piante. Il sole è invece l’energia naturale per eccellenza Grazie agli impianti combinati la casa risulterà più accogliente: il calore della fiamma e il comfort termico ottimale sono due autentici punti di forza Come funzionano gli impianti combinati? La miglior soluzione per il riscaldamento della casa L’acqua dell’impianto combinato viene riscaldata dal sole, tramite i pannelli fotovoltaici, e dalla legna per mezzo dei termocamini L’acqua riscaldata viene così accumulata in un puffer A quel punto l’acqua calda viene distribuita ai vari impianti della casa tramite una centralina elettronica Impianti combinati: sole e legna, la soluzione per il riscaldamento conveniente Gli impianti combinati sono perfetti per produrre acqua calda per usi sanitari e per il riscaldamento degli ambienti. Sono una soluzione particolarmente conveniente se si ha un elevato fabbisogno di riscaldamento tra ottobre e aprile, in un edificio termicamente ben isolato e dotato di una caldaia efficiente. Gli impianti combinati garantiscono delle elevate prestazioni nel riscaldamento, sfruttare l’irraggiamento solare per la generazione del calore, ottenere dei benefici economici in bolletta.
Tutti i bonus fiscali 2017 per edilizia La Legge di Bilancio 2017, definitivamente approvata dal Parlamento, prevede diversi bonus e detrazioni fiscali per il settore edilizio. Tra queste le più importanti sono: Ecobonus. Questa detrazione è stata prorogata fino al 31 dicembre 2017. Per interventi di riqualificazione energetica è previsto un bonus del 65% sulle spese effettuate per effettuare l’efficientamento [inserire link ad articolo specifico] Bonus mobili. La Legge di Bilancio 2017 prevede che fino al 31 dicembre si possano ottenere delle detrazioni fiscali del 50% riguardo alle spese effettuate per l’acquisto di mobili per la casa [inserire link ad articolo specifico] Sismabonus. Sono previste delle detrazioni fiscali a chi effettua interventi atti a ridurre il rischio sismico e ad aumentare la sicurezza del proprio immobile. La durata di questo provvedimento è estesa fino al 31 dicembre 2021 e il bonus cambia in base alle modifiche realizzate: 70% e 80% nel caso del passaggio di una o due classi di rischio inferiori, 75% e 85% per interventi sulle parti comuni di un edificio condominiale. Il disegno di legge prevede anche di stanziare risorse per gli interventi di ricostruzione nelle zone colpite dal sisma [inserire link ad articolo specifico] Bonus per alberghi. La Legge di Bilancio 2017 ha previsto l’estensione al 2017 e al 2018 di questo provvedimento: 65% di sgravio sulle spese effettuate per la riqualificazione di strutture ricettive (alberghi, hotel motel, b&b, attività agrituristiche) Bonus ristrutturazione edilizia. Una detrazione del 50% su tutti gli interventi di riqualificazione di modifica in abitazioni singole e condomini [inserire link ad articolo specifico] Non sono più previsti: bonus del 65% per la bonifica amianto, la detrazione del 50% per la sistemazione a verde di aree scoperte di pertinenza, cessione del credito d’imposta per le opere in singole unità abitative