Ci siamo finalmente lasciati alle spalle il 2020, un anno complesso e decisamente inaspettato sotto tanti punti di vista, che ha finito con il condizionare inevitabilmente sia la sfera personale delle nostre vite che quella professionale.

Le conseguenze di quanto accaduto nei dodici mesi appena trascorsi, che sono state senza dubbio trasversali e sono riuscite a interessare tutti, ci hanno irrimediabilmente spinti a riconsiderare con la massima attenzione sia i nostri progetti in essere che quelli che verranno, pianificati forse in funzione di presupposti che hanno finito col cambiare.

L’inevitabile scossone generato dal “caso Coronavirus” continuerà di certo a propagarsi anche sul breve-medio termine, e proprio per questo è importante considerare questo Capodanno come un nuovo inizio non soltanto a livello di calendario. Il valore del voltare pagina dovrà, crediamo, essere soprattutto simbolico e relativo alla nostra forma mentis, perché è quella che può condizionare in positivo le nostre attività.

Come Schiavi Spa, nonostante le oggettive difficoltà dell’anno appena terminato, possiamo comunque definirci soddisfatti. Oltre all’incremento del capitale sociale, da poco passato da 3.000.000,00 di euro a 5.000.000,00 di euro, siamo riusciti a collezionare una serie di successi anche in termini di realizzazione delle nostre opere.

A partire dalla costruzione ancora in essere Residenza San Martino2, lodevole esempio di architettura contemporanea a Lecco, fino alla prosecuzione relativa ai lotti 2 e 3 del cantiere di Residenza Fornace a Carnate, per arrivare infine all’esclusiva e nuovissima Residenza Cadorna, che sorgerà a pochi passi dal centro di Vimercate, abbiamo strutturato protocolli operativi e di sicurezza che riducessero al minimo il discomfort per i nostri clienti e innalzassero al contempo la qualità del lavoro per tutte le nostre squadre.

Grazie a piani strategici non soltanto attenti e ben calibrati, ma soprattutto basati sui valori fondanti che da sempre sono propri della nostra azienda – serietà, professionalità, affidabilità, qualità e innovazione – abbiamo concluso il 2020 con una serie di “spunte in agenda” che ben fanno sperare anche per l’anno che è appena iniziato. La motivazione e la passione, come sempre, non mancano.

Residenza San Martino2, nel quartiere lecchese di Germanedo, evidenzia appieno la nostra passione per la massima integrazione tra ambienti indoor e outdoor. In questa città considerata tra le più vivibili in Italia continua la realizzazione di una residenza che offre spettacolari visuali panoramiche in quota sugli scenari circostanti, incastonati tra lago e montagne.

L’aspetto progettuale di Residenza San Martino2, “sorella” della recente Residenza San Martino, è stato curato prestando particolare attenzione all’aspetto naturale che, come azienda, valutiamo cruciale nella quotidianità di ogni abitante. Ecco quindi balconi unici nel loro genere, che sono di fatto vere e proprie lounge esterne, grandi giardini privati studiati per favorire privacy e senso di libertà assoluta senza dover lasciare le mura di casa, tecnologie costruttive all’avanguardia in termini di soluzioni impiantistiche e reale risparmio energetico, e l’incredibile versatilità delle tante soluzioni abitative disponibili.

Per quanto riguarda invece Residenza Antica Fornace, si tratta di uno dei progetti di cui andiamo in assoluto più fieri. Completamente immersa nel verde del Parco del Molgora all’interno del Comune di Carnate e con visuale privilegiata sul borgo senza tempo di Montevecchia, la Residenza è il primo borgo in zona completamente orientato a un concreto e sensibile risparmio energetico. A un’estetica che richiama gli stilemi tradizionali tipici del territorio brianzolo abbiamo infatti associato soluzioni tecnologiche di nuova generazione così da influire positivamente non soltanto sui consumi, ma più ad ampio raggio anche sulla qualità della vita degli abitanti e sulla salute del pianeta.

Eccellenza nella scelta dei materiali, delle finiture e dell’organizzazione degli spazi interni ed esterni completano il quadro di questo borgo ipertecnologico che, a livello visivo, si rifà a un’epoca incredibilmente affascinante dal punto di vista dell’estetica degli edifici.

Infine, siamo orgogliosi del nuovissimo progetto che ha di recente preso il via a Vimercate, a pochi passi dal centro cittadino. Residenza Cadorna è la nostra interpretazione virtuosa di un lifestyle contemporaneo che punta tutto a riservatezza, comunicazione con la natura, comodità ai principali servizi, ampiezza dei volumi e delle superfici.

Il cantiere, che di fatto riqualifica un’area cittadina ora oggetto di una riprogettazione completa, opera secondo i principi dell’ecosostenibilità e dell’economia circolare e si compone di due case, per un totale di ventitré appartamenti dislocati tra pianterreno, primo e secondo piano dando vita a un’inedita forma a “L”.

Il risultato è una corte interna ad ampio respiro e, al contempo, completamente orientata alla privacy degli abitanti anche grazie alla ricchezza della vegetazione, composta da piante sempreverdi ad alto fusto e piccoli cespugli. Una sorta di completamento “gentile”, fatto di linee sinuose che si sposano con la forma lineare, minimalista e volutamente geometrica degli edifici, totalmente orientati alla purezza architettonica.

Questi sono soltanto alcuni dei progetti sui quali abbiamo instancabilmente lavorato nel corso del 2020, e che proseguono ancora oggi.

Ci auguriamo di poter condividere con voi ogni percorso e, più di tutto, ogni traguardo, continuando a progettare e costruire edifici in cui sentirsi a casa è un piacere.

Da tutti noi, l’augurio di un anno capace di realizzare tutti i vostri sogni.