Il celebre architetto sudamericano Sebastián Irarrázaval sarà uno degli ospiti più esclusivi della prossima edizione del CERSAIE, che si terrà a Bologna dal 25 al 29 settembre.

Il 26 settembre, il progettista sarà protagonista di una conferenza stampa dedicata presso la Galleria dell’Architettura, nel contesto del programma culturale “Costruire Pensare Abitare” che, come ogni anno, porta nella città emiliana i grandi nomi dell’architettura mondiale.

Ma chi è Sebastián Irarrázaval? Nato a Santiago del Cile nel 1967, si laurea presso l’Università Cattolica del Cile e, nel 1994, è già professore ordinario presso la medesima facoltà. Accanto all’attività didattica spicca, fin da subito, il grande talento creativo e progettuale che porta Sebastián Irarrázaval a lavorare come visiting professor per esclusivi atenei, come il MIT di Boston e lo IUAV di Venezia.

L’opera di Sebastián Irarrázaval è da sempre incentrata sulla massima espressione della verve cilena nell’ambito dell’architettura contemporanea tradizionale della nazione sudamericana. Un esempio lampante è rappresentato dalla Caterpillar House, conosciuta anche con il nome di Casa Oruga, che Sebastián Irarrázaval ha progettato per un collezionista d’arte appena fuori Santiago del Cile: si tratta di una costruzione esclusiva, adagiata sul pendio di una montagna delle Ande, e composta da cinque container da 40’, sei container da 20’ e un container da 40’ open top destinato esclusivamente alla piscina.

L’opera di questo designer è stata riconosciuta con numerosi premi: nel 1999, quello della AOA (Asociación de Oficinas de Arquitectura de Chile) come miglior giovane architetto; nel 2012 quello della Biennale di Urbanistica e Architettura di Shenzhen e Hong Kong; il 2014 e 2015 sono stati invece la volta del riconoscimento dell’Istituto Universitario di Architettura di Venezia all’interno dei workshop WAVE; e ancora più recente è la menzione d’onore “Wood Design and Building Awards” per il progetto della Biblioteca Municipal de Constitución, costruita a seguito del tremendo terremoto che, nel 2010, ha colpito la zona. Questa realizzazione, peraltro, è stata nominata per il premio Mies Crown Hall Americas, assieme al progetto del Pabellón Valparaíso, costruito per celebrare i 120 anni della Scuola di Architettura dell’Università Cattolica del Cile.

Sebastián Irarrázaval ha esposto tre volte per il Cile presso la Biennale di Venezia: caratteristico della sua opera è il dialogo continuo dell’architettura con altre discipline artistiche come la scenografia teatrale, la musica e il landscape design.